skip to Main Content
Il governo francese ha preventivato cinque anni per la ricostruzione, anche se, spiega l’architetto italiano, “non si possono fare fughe in avanti, è troppo rischioso”

Sono passati sei mesi dall’incendio che ha devastato la cattedrale di Notre Dame e ne dovranno passare altrettanti per concludere la messa in sicurezza della struttura (da programma entro maggio 2020): solo a quel punto si potrà parlare di un progetto di restauro. La prudenza quando si parla di “ricostruzione” è d’obbligo: “In questo m...

Per visualizzare l’articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all’indirizzo marketing@agenziacult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgenziaCULT registrati alla Newsletter settimanale gratuita.

Password dimenticata?

Non hai un account? Scrivici per informazioni sui nostri abbonamenti o registrati alla newsletter gratuita settimanale.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top