skip to Main Content
L’iniziativa si sviluppa in un contesto di grande fermento e di interesse sul tema dell’Open Access, per le opportunità di accessibilità e riuso date dalla condivisione di immagini e di dati in pubblico dominio del patrimonio culturale sul web

Icom Italia ha promosso, con il sostegno di Wikimedia Italia e in collaborazione con Creative Commons Italia, due premi Open Culture Italia 2022: uno dedicato ai Musei, uno dedicato alla Ricerca. L’iniziativa si sviluppa in un contesto di grande fermento e di interesse sul tema dell’Open Access, per le opportunità di accessibilità e riuso date dalla condivisione di immagini e di dati in pubblico dominio del patrimonio culturale sul web.

Premio MUSEO Open Culture 2022

Il Premio Museo Open Culture Italia 2022 è dedicato ai progetti di valorizzazione del patrimonio tramite l’adozione di strumenti per il pubblico dominio e di licenze Open Access. È stato indirizzato a tutti i musei italiani che abbiano realizzato dei progetti, pubblicati ed accessibili online, che prevedano l’adozione di strumenti e licenze CC per l’Open Access (Public Domain Mark, CC0, CC BY, CC BY-SA) allo scopo di favorire la condivisione di immagini e di dati in pubblico dominio. realizzati e pubblicati online tra il gennaio 2018 e il 10 aprile 2022. Il Premio è stato assegnato al Museo Egizio di Torino per il progetto Archivio Fotografico con le seguenti motivazioni: per l’importante numero di riproduzioni di immagini di beni archeologici rilasciati, sono infatti più di 3000 quelle accessibili online all’indirizzo dell’archivio fotografico del museo egizio; per la connessione coerente tra il progetto e il sito del museo; per la fruibilità del sito del progetto e l’accesso diretto al materiale fotografico; per la strategia di valorizzazione adottata volta alla promozione della conoscenza del patrimonio digitalizzato che è stata attuata tramite notizie diffuse sui canali ufficiali del Museo Egizio e interventi ad hoc dei responsabili del progetto; per le azioni di monitoraggio messe in atto dell’utilizzo delle immagini digitalizzate nelle pubblicazioni scientifiche e divulgative; per aver pubblicato dei termini d’uso chiari; per visione generale complessa e strategia di insieme

Premio RICERCA Open Culture 2022

Il Premio Ricerca Open Culture Italia 2022 è dedicato a pubblicazioni scientifiche, in lingua italiana o inglese, relative ai vantaggi dell’adozione di strumenti per il pubblico dominio e di licenze Open Access in ambito culturale. È stato indirizzato agli autori e alle autrici che hanno affrontato tematiche legate alle opportunità e ai vantaggi dell’adozione di strumenti Open Access per il rilascio o l’identificazione di contenuti culturali e creativi in pubblico dominio (Public Domain Mark, CC0, CC BY, CC BY-SA). Il Premio è stato assegnato alla tesi di laurea di Alice Fontana dal titolo Digital open access: il caricamento e il riuso delle collezioni museali archeologiche su Wikimedia, Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Economia e Statistica “Cognetti De Martiis”, 2022, con le seguenti motivazioni: perché la tesi mette in luce il modo in cui la cultura è prodotta e condivisa in ambiente web. Con Il focus sulle collezioni museali digitalizzate e pubblicate con le quali si è generata una nuova conoscenza commons-based in grado di coinvolgere un pubblico più ampio; per aver evidenziato la rilevanza delle metriche in grado di misurare la missione pubblica delle istituzioni nel digitale; per aver analizzato le collezioni archeologiche di due istituzioni italiane su Wikimedia Commons e Wikipedia ricavando dati sul caricamento delle immagini e sulle loro caratteristiche e analizzando qualitativamente il riuso delle immagini in articoli Wikipedia. In questo contesto il modello Open Access e le licenze Creative Commons e la selezione delle piattaforme rappresentano degli strumenti essenziali; er la completezza dei riferimenti.

Raccomandazioni dei membri della commissione

Il premio è stato istituito per sensibilizzare gli enti culturali. In diversi progetti convivono elementi positivi e criticità. I membri delle commissioni nei loro interventi hanno segnalato sia le positività che le criticità: rispetto alla scelta e correttezza delle licenze adottate; alle piattaforme utilizzate (proprietarie o non proprietarie / funzionalità / interfaccia); alle sostenibilità dei progetti su lungo tempo (piattaforme affidabili); alla qualità dei metadati; alla coerenza tra progetti speciali / sito museale / missione e visione strategica. ICOM Italia ha approfondito opportunità e i limiti normativi legati al riuso e alla divulgazione di riproduzioni digitali in pubblico dominio in rete, in una pubblicazione che ha coinvolto una rete di esperti nazionali ed internazionali del 2022 OPEN ACCESS. 100 domande e risposte per Musei, Archivi e Biblioteche. Diritto d’autore, copyright e licenze aperte per la cultura nel web. Scaricabile qui. I membri delle commissioni: Sarah Dominique Orlandi, Giuditta Giardini, Cristina Manasse, Anna Maria Marras, Mirco Modolo (membri del gruppo DCH Digital Cultural Heritage ICOM Italia); Deborah De Angelis (Creative Commons Italia, DCH ICOM Italia); Lucia Marsicano (Wikimedia Italia); Margherita Sani (NEMO The Network of European Museum Organisations); Martina Bagnoli (Gallerie Estensi); Chiara Veninata (ICCD – Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione), Giovanni Pescarmona (Istituto Centrale per la Digitalizzazione del Patrimonio Culturale Digital Library), Pierluigi Feliciati (Università di Macerata).

Back To Top