skip to Main Content
Il provvedimento contiene interventi sui contratti dei collaboratori del Ministero della Cultura, sullo scorrimento delle graduatorie Afav, sulle Fondazioni lirico-sinfoniche, sul piano Grande Pompei, sulle commissioni consultive per lo spettacolo, sull’Afam, sui dehors e sulla rimodulazione delle risorse del credito d’imposta per investimenti in favore del turismo

Via libera dall’Aula della Camera in seconda lettura al decreto con Milleproroghe con 142 “sì”, 90 “no” e 4 astenuti. Il provvedimento è legge. Dagli interventi sui contratti dei collaboratori del Ministero della Cultura allo scorrimento delle graduatorie Afav, passando per le Fondazioni lirico-sinfoniche e il piano Grande Pompei, fino all’Afam e ai dehors, sono diverse le misure riguardanti i settori della cultura e del turismo. Eccole nel dettaglio.

INCARICHI DIRIGENZIALI MIC

E’ prorogato al 31 dicembre 2023 il termine entro cui il Ministero della Cultura, nelle more delle procedure concorsuali per il reclutamento del personale dirigenziale tecnico, può esercitare la facoltà di conferire incarichi dirigenziali non generali (di seconda fascia) ex art. 19, comma 6, del D.LGS. 165/2001 fino al 15% del totale, anziché fino al 10%. Gli incarichi dirigenziali non generali in questione possono essere conferiti esclusivamente per le direzioni periferiche di Soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio, archivistiche e bibliografiche, nonché per istituti e uffici periferici diversi dagli istituti di rilevante interesse nazionale dotati di autonomia speciale.

COLLABORATORI SOPRINTENDENZE

Gli incarichi di collaborazione del Ministero della Cultura, per assicurare lo svolgimento nel territorio di competenza delle funzioni di tutela e di valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio degli uffici periferici, possono essere conferiti, previa selezione comparativa dei candidati, dalla data del 1 aprile 2023 e non oltre il 31 dicembre 2023, entro il limite di spesa di 15.751.500 euro.

GRADUATORIA AFAV

Il Ministero della Cultura è autorizzato, entro il 31 dicembre 2023, allo scorrimento della graduatoria finale di merito del Concorso pubblico, per esami, per il reclutamento di complessive n. 1052 unità di personale del profilo professionale di Assistente alla fruizione, accoglienza e vigilanza “fino a 750 unità a valere sulle vigenti facoltà assunzionali”. In ragione dell’entrata in vigore del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro – Comparto Funzioni Centrali periodo 2019/2021 –, le unità di personale reclutate mediante lo scorrimento di graduatoria di cui al primo periodo sono inquadrate nell’Area degli Assistenti, corrispondente alla previgente II Area”. Per la copertura degli oneri assunzionali derivanti dallo scorrimento della graduatoria, il Ministero della cultura utilizza le proprie facoltà assunzionali già disponibili a legislazione vigente. In particolare, nel Piano Integrato di Attività e Organizzazione (PIAO) 2022-2024, adottato dal Ministro con decreto del 4 ottobre 2022, n. 460, è previsto, nell’apposita sezione “3.3 Piano triennale dei fabbisogni di personale”, per l’annualità 2023 lo scorrimento di graduatorie vigenti e in particolare di 750 unità di personale dell’Area II, F2, a valere sulle somme residue del budget assunzionale dell’anno 2020, autorizzato con d.P.C.M. 22 luglio 2022 (residuo pari ad euro 22.849.745,20), per l’importo complessivo di euro 22.787.887,50 (tenuto conto del costo unitario fondamentale vigente ratione temporis per l’Area II, F2, di euro 30.383,85). Il predetto onere assunzionale, in applicazione della nuova retribuzione tabellare prevista per l’Area degli Assistenti alla Tabella H del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto Funzioni Centrali 2019/2021 è pari a euro 21.866.887,5 tenuto conto del costo unitario fondamentale per l’Area degli Assistenti (ex Area II) di euro 29.155,85 lordo stato, al netto del trattamento accessorio.

DECRETI ATTUATIVI DELEGA SPETTACOLO

Proroga da 9 a 24 mesi dall’entrata in vigore della legge in materia di spettacolo, n. 106 del 2022, il termine per l’esercizio della delega legislativa ivi prevista per il riordino delle disposizioni di legge in materia di spettacolo e degli strumenti di sostegno in favore dei lavoratori del settore, nonché per il riconoscimento di nuove tutele in materia di contratti di lavoro e di equo compenso per i lavoratori autonomi. Conseguentemente, il termine per l’esercizio della delega viene prorogato dal 18 maggio 2023 al 18 agosto 2024.

FONDAZIONI LIRICO-SINFONICHE

Viene prorogata al 31 dicembre 2023 la durata delle funzioni del commissario straordinario di Governo per il risanamento delle fondazioni lirico-sinfoniche, al fine di consentire il proseguimento dell’attività di monitoraggio dei piani di risanamento presentati. Inoltre, si proroga alla stessa data la possibilità, per ciascuna fondazione lirico-sinfonica, di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato di personale artistico, tecnico e amministrativo, in misura non superiore al 50 per cento dei posti disponibili, mediante procedure selettive riservate al personale in possesso di specifici requisiti. Infine, anche per il 2023, così come previsto per gli anni 2020, 2021 e 2022, la ripartizione della quota del Fondo unico per lo spettacolo destinata alle Fondazioni lirico-sinfoniche avviene sulla base della media delle percentuali stabilite per il triennio 2017-2019.

UNITA’ GRANDE POMPEI

E’ prorogata fino al 31 dicembre 2023 l’attività dell’Unità Grande Pompei, il Direttore generale di progetto, il vice direttore e della struttura di supporto al Direttore generale di progetto, oltre che il relativo stanziamento necessario per garantire il finanziamento dell’attività dell’Unità, nel limite massimo di spesa pari a 900.000 euro lordi. E’ prorogato anche per il 2023 lo stanziamento, nel limite complessivo pari a 150.000 euro, destinato a consentire l’integrazione della struttura di supporto al Direttore generale di progetto con un esperto in mobilità e trasporti e con un esperto in tecnologie digitali. Gli oneri sono posti a carico del bilancio del Parco archeologico di Pompei.

CELEBRAZIONI DEL PERUGINO

E’ prorogata al 31 dicembre 2023 la durata del Comitato promotore delle celebrazioni per il pittore Pietro Vannucci, detto “Il Perugino”. Il Comitato ha il compito di promuovere e diffondere, attraverso un adeguato programma di celebrazioni, di attività formative, editoriali, espositive e di manifestazioni artistiche, culturali e scientifiche, in Italia e all’estero, la figura e l’opera di Pietro Vannucci. Il Comitato, inoltre, è tenuto a predisporre una relazione conclusiva sulle iniziative realizzate e sull’utilizzazione delle risorse assegnate, da presentare al ministro della Cultura ai fini del successivo inoltro alle Camere.

SISMA

Sono prorogate fino al 31 dicembre 2026 le contabilità speciali intestate ai Segretariati regionali di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria al fine di completare gli interventi per la sicurezza del patrimonio culturale realizzati dal Ministero della Cultura in conseguenza degli eventi sismici verificatisi dal 6 aprile 2009.

COMMISSIONI CONSULTIVE PER LO SPETTACOLO

I componenti delle Commissioni Consultive per lo Spettacolo presso il Ministero della Cultura, nominati con i decreti ministeriali del gennaio 2022, restano in carica fino al 31 dicembre 2023. I componenti, comunque, continuano nell’esercizio delle funzioni fino alla nomina di quelli nuovi.

SEMPLIFICAZIONI SPETTACOLI DAL VIVO

Fino al 31 dicembre 2023, per attività culturali quali il teatro, la musica, la danza, il musical e le proiezioni cinematografiche, che si svolgono in un orario compreso tra le ore 8 e le ore 01 destinati ad un massimo di 1.000 partecipanti, ogni atto di autorizzazione è sostituito dalla segnalazione certificata di inizio attività.

FONDO SPETTACOLO DAL VIVO

A decorrere dal 2023, le risorse destinate all’erogazione di contributi in favore delle scuole di eccellenza nazionale, operanti nell’ambito dell’altissima formazione musicale, sono ripartite tra i soggetti beneficiari del Fondo nazionale per lo spettacolo dal vivo, nel settore Promozione – Progetti di perfezionamento professionale, ambito musica.

ACCADEMIE E SCUOLE DI MUSICA

Incrementate di 600 mila euro per il 2023 e di 2,7 milioni di euro per ciascuno degli anni 2024, 2025, 2026, le risorse a favore dell’Accademia Internazionale di Imola e dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena e della Fondazione Scuola di Musica di Fiesole, al fine di garantire la prosecuzione delle attività delle tre istituzioni.

AFAM

Esteso all’anno accademico 2023-2024 la possibilità di attingere, per il conferimento di incarichi di insegnamento a tempo indeterminato e a tempo determinato nelle istituzioni Afam, alle graduatorie nazionali ad esaurimento cosiddette “143”. Prorogato all’anno accademico 2024-2025 l’avvio dell’applicazione del regolamento recante le procedure e le modalità per la programmazione e il reclutamento del personale docente e del personale amministrativo e tecnico del comparto Afam, al contempo differendo (dal 31 dicembre 2022) al 31 dicembre 2023 il termine per l’approvazione della prima programmazione triennale del reclutamento del personale docente e tecnico-amministrativo, a tempo indeterminato e determinato. Differito al 31 dicembre 2023 il termine entro il quale i diplomi accademici rilasciati dalle istituzioni Alta formazione artistica musicale e coreutica all’esito dei percorsi formativi in vigore prima della riforma operata con la L. 508/1999, sono riconosciuti come equipollenti – congiuntamente al possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado – ai diplomi accademici di secondo livello. E’ consentito alle istituzioni dell’Alta formazione artistica musicale e coreutica di reclutare, per l’a.a. 2023-2024 e nei limiti delle facoltà assunzionali autorizzate e successivamente ripartite dal Ministero dell’Università e della Ricerca, personale docente a tempo indeterminato, nelle more della piena attuazione del regolamento disciplinante le procedure di reclutamento del personale delle medesime istituzioni. Il reclutamento deve essere prioritariamente effettuato a valere: sulle vigenti graduatorie formate nell’ambito dei processi di statizzazione delle istituzioni alta formazione artistica musicale e coreutica non statali; nonché sulle vigenti graduatorie nazionali per titoli; e, in subordine, mediante selezioni pubbliche per titoli ed esami.

DEHORS

E’ prorogata al 31 dicembre la possibilità per i pubblici esercizi titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l’utilizzazione del suolo pubblico, di posare in opera temporaneamente, senza previa autorizzazione, su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale o paesaggistico, strutture amovibili, quali dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni, purché funzionali all’attività degli esercizi stessi.

CREDITO D’IMPOSTA TURISMO

Viene rimodulato l’utilizzo delle risorse relative al credito d’imposta per investimenti in favore del settore turistico, con riguardo alle richieste di fruizione del credito presentate entro il 31 dicembre 2022. Le somme non utilizzate per la riqualificazione e il miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere per una quota pari a 30 milioni di euro, sono versate dall’Agenzia delle entrate allo stato di previsione dell’entrata del bilancio dello Stato. Tali somme non utilizzate sono quindi riassegnate, per l’anno 2023, ai pertinenti capitoli dello stato di previsione del Ministero del Turismo destinati a investimenti diretti a incrementare la competitività e la sostenibilità del settore turistico.

PREVENZIONE INCENDI NELLE STRUTTURE TURISTICHE

Sono prorogati i termini per il completamento dell’adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi, al 31 dicembre 2024, per le attività ricettive turistico-alberghiere con oltre 25 posti letto, ed al 31 dicembre 2023, limitatamente ai rifugi alpini. Previsti, inoltre, specifici obblighi relativi alle misure antincendio a carico dei titolari delle strutture ricettive, e l’esonero da specifici corsi antincendio aziendali per il personale delle strutture ricettive turistico-alberghiere che ha superato il periodo di addestramento volontario dei Vigili del fuoco.

FONDI PER EMERGENZA NEVE

In merito alla norma della legge di Bilancio 2023 che disciplina lo svincolo delle quote di avanzo vincolato di amministrazione, è inserito, tra le potenziali finalità di utilizzo delle risorse, il sostegno degli operatori del settore turistico-ricettivo, termale e della ristorazione dei comuni montani della dorsale appenninica.

BALNEARI

Sono prorogate al 31 dicembre 2024 le attuali concessioni balneari. Ci sono cinque mesi in più di tempo per l’esercizio della delega sulla mappatura delle spiagge date in concessione (che altrimenti scadrebbe il 27 febbraio 2023). E’ istituito un tavolo tecnico permanente presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con funzioni consultive, a cui partecipano i ministri competenti, le regioni e le associazioni di categoria.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top