skip to Main Content
“Recenti fatti di cronaca ci hanno dimostrato quanto il nostro sia un territorio fragile: l’Italia è esposta storicamente a eventi sismici e la triste vicenda di Ischia ci conferma quanto il territorio sia fragile anche dal punto di vista del rischio idrogeologico"

Quello della sicurezza del patrimonio culturale “è un tema molto importante, che rappresenta un interesse strategico e prioritario di tutta la Nazione. Quando parliamo di sicurezza del patrimonio culturale la cosa più importante è la prevenzione, che deve passare attraverso una programmazione ben accurata. Nel Pnrr ci sono delle linee molto importanti di finanziamento proprio sul tema della messa in sicurezza, se riusciremo a spendere in maniera efficiente queste risorse, allora avremo fatto un bel pezzo del percorso che abbiamo davanti”. Lo ha evidenziato il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, intervenendo alla prima giornata di studi dedicata alla sicurezza e conservazione dei beni culturali dal titolo: “La complessità della ricostruzione post-sismica: sicurezza, sviluppo e tutela”.

“Recenti fatti di cronaca – ha aggiunto il titolare del Collegio Romano – ci hanno dimostrato quanto il nostro sia un territorio fragile: l’Italia è esposta storicamente a eventi sismici – Messina, Belice, Irpinia – e la triste vicenda di Ischia ci conferma quanto il territorio sia fragile anche dal punto di vista del rischio idrogeologico. Il nostro territorio – ha sottolineato – è stato devastato da interventi umani, se il territorio non viene curato abbiamo eventi come quelli di Ischia. Ma ci sono altri due rischi quando parliamo di protezione e sicurezza del patrimonio culturale: il rischio del vandalismo e il rischio incuria”. Altro tema interessante, ha spiegato, “è quello della rigenerazione dei tessuti urbani per non sprecare ulteriore suolo: dobbiamo smetterla di consumare il suolo e dobbiamo rigenerare quello che già abbiamo. Negli anni ’60 si è fatto un enorme spreco di suolo, si sono devastate le nostre città”, ha concluso Sangiuliano.

Back To Top