skip to Main Content
Ogni sera fino al 16 ottobre la proiezione di “Seguimi. La vita di Pietro”. Domenica 2 ottobre la serata inaugurale con Andrea Bocelli

Dal 2 al 16 ottobre, ogni sera, la facciata della Basilica di San Pietro, a Roma, si trasformerà in un grande schermo per raccontare la vita dell’apostolo Pietro. “Seguimi. La vita di Pietro” è un progetto di videomapping in cui le opere d’arte di Raffaello, Perugino, di Reni e Cavallucci prenderanno vita grazie alle nuove tecnologie di produzione di effetti tridimensionali. La narrazione è in prima persona. Riguarda i momenti salienti della vita del pescatore di Galilea – la chiamata, la sequela, la missione, il martirio – è fa emergere la sua personalità: gli slanci e le cadute, la tenacia e il dubbio, le lacrime, fino al dono della vita.

Il 2 ottobre alle 20 si terrà la serata inaugurale della proiezione del videomapping “Seguimi. La vita di Pietro” con il saluto del cardinale Mauro Gambetti, Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano. Ospite d’onore, Andrea Bocelli, che parteciperà all’evento con un omaggio musicale. Il cantante eseguirà, tra gli altri, il brano “The First Noël”, tratto dal suo nuovo album. Sul palco anche Flavio Insinna, che nel videomapping presta la voce al “principe degli apostoli”. Presenta la serata Milly Carlucci. I tre artisti hanno aderito all’iniziativa a titolo gratuito.

L’iniziativa è promossa dalla Fondazione “Fratelli tutti”, dalla Fabbrica di San Pietro e dalla parrocchia di San Pietro, e rappresenta la prima tappa di un più ampio progetto di “Arte e Fede” volto ad accompagnare i pellegrini nella visita della Basilica e al pellegrinaggio alla Tomba di Pietro. Dalle conferenze “Lectiones Petri” agli itinerari spirituali nei luoghi petrini della città di Roma, dalla contemplazione delle 12 stazioni della “via Petri” alla preghiera quotidiana sulla Tomba dell’Apostolo: percorsi per offrire ai visitatori occasioni per incontrare “a tu per tu” San Pietro di cui potranno approfondire e meditare l’esperienza umana e spirituale e da cui saranno accompagnati a vivere con profondità l’incontro con il Signore.

Soggetto e testi sono di Mario Audino, fra Agnello Stoia, parroco di San Pietro, e Mosaico Studio, che ha curato anche la regia. Le musiche originali sono state composte da Paolo Paone. Il repertorio iconografico è stato messo a disposizione dalla Basilica di San Pietro e dai Musei Vaticani. Ideazione e regia sono di Mosaico Studio, che si è avvalso della collaborazione di OSC Innovation per la realizzazione del videomapping. La realizzazione ha richiesto tre mesi di lavoro e ha impiegato una trentina di persone, tra elaborazione dei contenuti e realizzazione dell’animazione, racconta ad AgCult Luigi Bartone, amministratore unico di Mosaico Studio. “Appena hanno immaginato di realizzare un percorso di arte e fede legato alla Basilica di San Pietro si è pensato a un primo evento che mettesse in relazione l’interno della basilica, dove si trova la tomba dell’Apostolo, con l’esterno, il colonnato e la facciata che sono l’abbraccio al mondo”. Da qui l’idea della storia.

I sopralluoghi tecnici hanno permesso di individuare due postazioni, sopra il colonnato, prospicienti Piazza Pio XII, da cui effettuare la proiezione. Una regia da terra comanderà i venti proiettori installati sopra il colonnato. Il doppio punto di proiezione e la lontananza dalla basilica – circa 200 metri – permette anche di superare il problema dell’irregolarità della facciata. Un risultato che – secondo Bartone – “permetterà a chi guarda di apprezzare l’unità tra la proiezione, gli spazi e il contenuto del racconto”. L’intero progetto è stato finanziato con le donazioni di benefattori, attraverso la Fondazione “Fratelli tutti”. Le proiezioni si terranno ogni sera fino al 16 ottobre incluso, dalle 21 alle 23 e dureranno circa 8 minuti.

Back To Top