skip to Main Content
L'Unesco lancia tre proposte per i settant'anni dall'adozione della Convenzione per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato. Azoulay: "Questa Convenzione non solo ha rafforzato il diritto internazionale e ha stabilito un dialogo permanente tra i professionisti della cultura e le autorità militari, ma ha anche dato vita a misure preventive molto concrete attuate in tempo di pace in tutte le regioni del mondo"

Un programma di formazione per giudici e pubblici ministeri, una “alleanza civile-militare per la protezione dei beni culturali” e formazione dei gestori dei siti e del personale militare in tecnologie all’avanguardia che possono contribuire alla protezione del patrimonio. Sono queste le tre proposte lanciate dall’Unesco, a sett...

Per visualizzare l’articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all’indirizzo marketing@agenziacult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da AgenziaCULT registrati alla Newsletter settimanale gratuita.

Password dimenticata?

Non hai un account? Scrivici per informazioni sui nostri abbonamenti o registrati alla newsletter gratuita settimanale.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top