skip to Main Content
“Siamo felici che il lavoro strutturato in questi anni con il Parlamento europeo ci abbia consentito di poter stringere ancora di più un rapporto con l’Eye”, ha affermato la founder Giusy Sica
European Youth Event: Il Think Tank Re-generation Youth Torna In Europa Da Protagonista
European Youth Event: il think tank Re-generation Youth torna in Europa da protagonista

L’8 e il 9 ottobre si svolgerà al Parlamento europeo di Strasburgo lo European Youth Event: “il futuro è nostro” sarà il motto delle diverse giornate organizzate in Francia, partite già online dal 4 ottobre. In vista della Conferenza sul futuro dell’Europa, numerosi giovani si riuniranno per condividere idee e discutere insieme. Tra i partecipanti ci sarà anche un’eccellenza italiana, il Think tank Re-generation Youth fondato da Giusy Sica nel 2018. “Siamo felici che il lavoro strutturato in questi anni con il Parlamento europeo, come delegazione italiana giovani, ci abbia consentito di poter stringere ancora di più un rapporto con l’Eye soprattutto come partner strategico per quanto riguarda la Conferenza sul futuro dell’Europa – ha affermato Giusy Sica -. Un rapporto che va avanti da tre anni, non solo con loro ma anche con tutta la dg COMM Youth Outreach Unit. Questo ci rende contente perché significa che il lavoro fatto è stato apprezzato su più livelli, sia nazionale che europeo”. Per la giovane salernitana e il suo gruppo non è la prima volta all’Eye: già nel 2018, infatti, Re-generation Youth fu selezionato per rappresentare l’Italia a Strasburgo. Quest’anno, però, la soddisfazione è maggiore in quanto sono l’unico think tank italiano coinvolto e dopo tre anni di rodaggio, questa volta il gruppo – composto solo da giovani donne del sud Italia – sarà alla direzione di una stimolante attività. La delegazione di Re-generation che andrà a Strasburgo, oltre a Giusy Sica è composta da Serena Mazzei, Lara Giacomino,  Serena Danese, Emanuela Di venuta, Giovanna Lusini, Teresa Agovino, Chiara Sargiotta, Cristiana Vaino, Sabrina Statari e Federica Satta.

“Ci aspettiamo non solo di rivedere tutte le altre organizzazioni con le quali collaboriamo a livello europeo da anni – ha raccontato la founder di Re-generation Youth – ma anche di poter lavorare bene da organizer di una attività, di poter incidere su un processo di cambiamento e farlo conoscendone gli strumenti. Vogliamo lavorare sugli strumenti legislativi, su proposte che partono con l’elaborazione di policy che speriamo non solo di poter presentare ai vari membri del Parlamento Europeo ma di poter anche far inserire, come tre anni fa, nelle riflessioni finali che convergeranno nella Conferenza sul futuro dell’Europa”. La loro ‘Women’s policies Battle’ (Battaglia per le politiche a favore delle donne) si svolgerà sabato 9 ottobre presso il Parlamento di Strasburgo. Quali sono le migliori politiche da attuare per ridurre le disuguaglianze: congedi di paternità, programmi gratuiti di assistenza all'infanzia o borse di studio nel campo della scienza, della tecnologia e dell'ingegneria destinate alle donne? O forse, una combinazione di tutte e tre? L’attività, ideata dal think tank, ha l’obiettivo di incoraggiare i giovani a discutere di diverse strategie politiche, e anche di analizzare idee e modelli di attuazione differenti. Si dovrà in ultima istanza raggiungere una soluzione comune, che verrà esposta ai membri del Parlamento presenti a Strasburgo. 

La parità di genere è solo uno dei tanti temi cari alla rete professionale Re-generation Youth. Anche la questione giovanile è centrale nella loro attività come focale il coinvolgimento dei giovani e in particolare delle donne nelle attività politiche, sociali, economiche e culturali a livello nazionale ed europeo. Il think tank si occupa anche di empowerment femminile, trasformazione digitale, rigenerazione sociale e culturale. Insomma un serbatoio di pensiero sempre pieno e in movimento.“Speriamo, e questo è l’augurio più importante, di non essere un pò ‘Nemo propheta in patria’ ma di poter continuare a lavorare sul livello nazionale quando torneremo da Strasburgo proprio su questi temi. E farlo attraverso gli strumenti legati ad attività di making law e di policy making, che è quello che fa un think tank, strada già tracciata dal progetto PNRR_Under40” ha concluso Giusy Sica.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top