skip to Main Content

“Questo posto era una ferita aperta, come lo erano tutti gli altri valichi lungo il confine che divide Gorizia da Nova Gorica. L’inaugurazione di questo particolare museo rimargina quella ferita e contribuisce a seppellire i conflitti causati dal confine orientale”. Lo ha detto l’assessore al Patrimonio del Friuli Venezia Gi...

Per visualizzare l’articolo integrale bisogna essere abbonati.

Per sottoscrivere un abbonamento contatta gli uffici commerciali all’indirizzo marketing@agenziacult.it.

Se invece vuoi ricevere settimanalmente una selezione delle notizie pubblicate da Agenzia CULT registrati alla Newsletter settimanale gratuita.

Password dimenticata?

Non hai un account? Scrivici per informazioni sui nostri abbonamenti o registrati alla newsletter gratuita settimanale.

Back To Top