skip to Main Content
Sangiuliano: "L’iniziativa compie 10 anni, si tratta di un’intuizione felice che in questi anni è diventata un appuntamento irrinunciabile molto apprezzato dai cittadini italiani e dai turisti che giungono qui da tutto il mondo"

Parco archeologico del Colosseo – Colosseo. Anfiteatro Flavio (20.986 ingressi), Parco archeologico di Pompei – Area archeologica di Pompei (18.409) e Pantheon – Basilica di Santa Maria ad Martyres (11.821) sono i luoghi della cultura statali che hanno registrato il maggior numero di visitatori nella #domenicalmuseo del 7 luglio, l’iniziativa del ministero della Cultura che consente l’ingresso gratuito, ogni prima domenica del mese, nei musei e nei parchi archeologici statali. “Con la prima domenica di luglio 2024, l’iniziativa #domenicalmuseo compie 10 anni. Istituita con il decreto n. 94 del 27 giugno 2014, prevede l’ingresso gratuito nei musei, nei parchi archeologici e in tutti i luoghi della cultura statali. Si tratta di un’intuizione felice che in questi anni è diventata un appuntamento irrinunciabile molto apprezzato dai cittadini italiani e dai turisti che giungono qui da tutto il mondo”, ha commentato il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano. “Alle 12 giornate gratuite previste in origine – ha aggiunto il titolare del Collegio Romano – ho fortemente voluto aggiungere altre tre date iconiche della storia italiana: il 25 aprile, il 2 giugno e il 4 novembre. In queste 15 giornate gratuite, come quella che s’è appena conclusa, molte centinaia di migliaia di visitatori hanno deciso di trascorrere alcune ore immersi nella bellezza e nell’arte del patrimonio culturale della Nazione. Numeri che confermano lo straordinario successo dei musei italiani, come dimostrano i dati degli ingressi che abbiamo presentato questa settimana che hanno fatto segnare, per il 2023, la cifra di 57.730.502 visitatori, mai registrato nelle serie storiche. I musei italiani hanno un immenso valore storico e identitario, a questo stiamo aggiungendo la qualità dei servizi tra cui la nuova app, uno strumento innovativo e moderno di accesso alle strutture museali che rappresenta una ulteriore tappa verso la modernizzazione e la valorizzazione nel solco di quanto previsto dall’art. 9 della Costituzione”.

Questi i numeri registrati dagli altri luoghi della cultura statali:  Gallerie degli Uffizi – Gli Uffizi 10.870; Reggia di Caserta 8.578; Galleria dell’Accademia di Firenze 7.035; Gallerie degli Uffizi – Palazzo Pitti 6.704; Parco archeologico del Colosseo – Foro Romano e Palatino 6.153; Pinacoteca di Brera 5.020; Musei Reali di Torino 4.981; Castel Sant’Angelo 4.822; Villae – Villa d’Este 3.868; Museo archeologico nazionale di Napoli 3.381; Musei del Bargello – Cappelle Medicee 3.045; Terme di Caracalla 2.821; Palazzo Ducale di Mantova 2.449; Parco archeologico di Paestum e Velia – Museo e area archeologica di Paestum 2.435; Castel Sant’Elmo e Museo del Novecento a Napoli 2.364; Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea 2.356; Gallerie Nazionali di Arte Antica – Palazzo Barberini 2.345; Galleria Borghese 1.930; Palazzo Reale di Napoli 1.897; Galleria nazionale dell’Umbria 1.863; Parco archeologico di Ercolano 1.828; Cenacolo Vinciano 1.720; Villae – Villa Adriana 1.609; Castel del Monte 1.523; Gallerie dell’Accademia di Venezia 1.447; Galleria nazionale delle Marche 1.343; Grotte di Catullo e Museo Archeologico di Sirmione 1.302; Museo e Real Bosco di Capodimonte – Museo di Capodimonte 1.180; Complesso monumentale della Pilotta 1.170; Complesso Monumentale e Museo della Certosa di Pavia 1.120; Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria 1.088; Castello svevo di Bari 1.056; Museo nazionale romano – Palazzo Massimo 1.032; Castello Scaligero di Sirmione 1.002; Museo nazionale romano – Terme di Diocleziano 991; Villa Romana e Antiquarium di Desenzano 980; Villa della Regina 951; Palazzo Farnese di Caprarola 927; Palazzo Carignano 910; Parco archeologico di Cerveteri e Tarquinia – Necropoli dei Monterozzi e Museo archeologico nazionale di Tarquinia 903; Museo nazionale romano – Palazzo Altemps 853; Musei del Bargello – Museo nazionale del Bargello 850; Complesso monumentale del Castello e Parco di Racconigi 832; Musei del Bargello – Complesso di Orsanmichele 750; Musei nazionali di Genova – Palazzo Reale di Genova 680; Museo di Palazzo Grimani 618; Museo archeologico nazionale di Taranto 600; Galleria Spada 598; Pinacoteca Nazionale di Bologna 534; Museo Nazionale d’Abruzzo dell’Aquila 480; Complesso monumentale del Castello Ducale – Giardino e parco di Aglié 454; Parco archeologico dell’Appia antica – Mausoleo di Cecilia Metella e Chiesa di San Nicola 430; Museo delle Civiltà 429; Gallerie Nazionali di Arte Antica – Galleria Corsini 425; Parco archeologico di Cerveteri e Tarquinia – Necropoli della Banditaccia e Museo nazionale archeologico Cerite a Cerveteri 411; Basilica di Sant’Apollinare in Classe 387; Mausoleo di Teodorico 382; Museo archeologico nazionale di Firenze 363; Cappella Espiatoria 358; Museo nazionale di Ravenna 351; Anfiteatro campano, Museo archeologico dell’antica Capua e Mitreo di Santa Maria Capua Vetere 318; Complesso Monumentale e Biblioteca dei Girolamini 311; Abbazia di Pomposa e Museo pomposiano 308; Battistero degli Ariani 302. A questi dati si aggiungono i 15.273 visitatori del ViVe – Vittoriano e Palazzo Venezia e i 9.195 della Gallerie degli Uffizi – Giardino di Boboli.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top