skip to Main Content

Il 24 marzo è stato presentato in Commissione “Industria, Commercio, Turismo” del Senato il Testo Unificato che disciplina la professione delle guide turistiche. Oltre a indicarne le attività proprie, vale a dire far conoscere, illustrare, divulgare, valorizzare i beni culturali e paesaggistici, l’articolo 2 stabilisce che:

“Le guide turistiche possono conseguire ulteriori specializzazioni, tematiche o territoriali, attraverso i corsi di formazione previsti dall’articolo 6:

  • a) per settori culturali, artistici, artigianali, tecnico-scientifici ed enogastronomici;
  • b) per la didattica museale e le specifiche tecniche di comunicazione con persone diversamente abili, nonché per altri settori culturali e tecnici utili all’esercizio della professione”.

Quanto riportato nella lettera b) ha suscitato sconcerto e forte preoccupazione da parte non solo di ricercatori e formatori, di chi ha responsabilità nelle Istituzioni culturali e di chi vi opera, ma soprattutto dei referenti delle Associazioni che rappresentano e tutelano i diritti di quelle persone, così definite nel Testo Unificato.

ICOM Italia ha elaborato e portato all’attenzione di alcuni componenti della X Commissione la proposta di emendamento che elimina alla lettera b) “per la didattica museale e le specifiche tecniche di comunicazione con persone diversamente abili”. Tale proposta è condivisa da AIEM Associazione Italiana Educatori Museali, costituitasi nel maggio 2021, realtà di riferimento per le professioniste e i professionisti formatisi in corsi universitari, scuole di specializzazione e master del settore.

“Didattica museale” è una dicitura arretrata ed equivoca; la corretta espressione educazione al patrimonio culturale, da anni acquisita dalla comunità di ricerca e di pratica, è ben più complessa, olistica e articolata; essa comprende la didattica dei beni culturali, diversificata a seconda della “natura” del bene patrimoniale (archeologico, storico-artistico, demo-etno-antropologico, …) e differenziata in relazione alle fisionomie dei pubblici. Non si tratta di una banale questione terminologica.

Fare “didattica museale” (sic) richiede conoscenze e competenze esperte, che sono di pertinenza delle educatrici e degli educatori del patrimonio culturale (materiale, immateriale e paesaggistico); queste figure professionali operano sia all’interno degli Istituti museali, sia di complessi archeologici e monumentali. L’acquisizione di tali conoscenze e competenze esperte è l’esito di percorsi di alta formazione di livello universitario, di pratiche progettuali e costanti aggiornamenti inerenti sia il patrimonio, sia i pubblici. E non possono essere acquisite con un corso di formazione della durata complessiva di 650 ore, come previsto dall’articolo 6, comma 3.

Ma il vulnus più grave del Testo Unificato è là ove si sostiene che la guida turistica possa acquisire non ben precisate “tecniche di comunicazione”, relazionandosi con “persone diversamente abili” (sic). Il lessico utilizzato non tiene in considerazione sia i documenti dell’Organizzazione Mondale della Sanità (OMS) che la “Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità” (3 dicembre 2006), entrata in vigore come Legge dello Stato (3 marzo 2009, n. 18); tali persone sono inoltre indicate genericamente, senza considerare l’ampio e il diversificato spettro che ne caratterizza la singolarità.

[__pezzo_agenzia__]

Ugualmente grave è ritenere che la frequentazione dei corsi di 650 ore previsti possa abilitare la guida turistica a possedere ed esercitare “specifiche tecniche di comunicazione”. Si fa presente che le “tecniche di comunicazione” sono solo strumentali per costruire una relazione significativa con tali destinatari: essa richiede conoscenze, competenze e comportamenti, ed è l’esito di percorsi formativi specialistici, di aggiornamento, di studio e ricerca, di pratica progettuale all’interno della realtà complessa dell’accessibilità e dell’inclusione, anch’essi di pertinenza delle educatrici e degli educatori sia museali sia del patrimonio culturale.

ICOM Italia è da sempre impegnato nel promuovere azioni concrete per il riconoscimento e la tutela dei professionisti museali, nonché nella definizione di competenze e ruoli; si fa riferimento alla “Carta nazionale delle professioni museali” ICOM Italia (2005) e successivi aggiornamenti (2017) nel “Quaderno ICOM per la Riforma. Professionalità e funzioni essenziali del museo alla luce della riforma dei musei statali”.

Diversamente da quanto ad oggi è stato disciplinato a livello nazionale e regionale per la guida turistica, si attende da tempo che un iter legislativo dia esiti concreti al fine di sottrarre dalla precarietà chi lavora nei musei, occupandosi di tutela e di educazione, finalità istituzionali e riconosciute dalla Costituzione.

La proposta di emendamento sostenuta da ICOM Italia con AIEM è stata sottoscritta da numerosi rappresentanti della comunità accademica, museale e scientifica; sono altresì stati informati gli Enti e le Associazioni che tutelano le persone con disabilità, nonché la FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità). Presidenti, Consiglieri, referenti di tali Associazioni hanno espresso preoccupazione e sconcerto per quanto indicato nel Testo Unificato e hanno aderito alla proposta di emendamento.

Va da sé che le ragioni qui sinteticamente espresse a sostegno della proposta richiedono diversi e articolati approfondimenti, in quanto riguardano problematiche cruciali quali, ad esempio, il precariato del lavoro culturale e la svalutazione di competenze esperte acquisite a fronte di una formazione specialistica.

Confidiamo che dal 5 maggio, data ultima per la presentazione delle proposte di emendamento, ci sia occasione di confronto, di ripensamento e di una consultazione partecipata sui temi delicati delle professioni della cultura, dell’accessibilità agli istituti culturali e del ruolo del museo nel contesto contemporaneo.

Il testo integrale inerente alla proposta di emendamento e relative motivazioni, con l’elenco delle firmatarie e dei firmatari che hanno aderito, è pubblicato sul sito di ICOM Italia.

Silvia Mascheroni

Silvia Mascheroni

Storica dell’arte, è ricercatrice, formatrice e progettista nell’ambito dell’educazione al patrimonio culturale e dell’arte contemporanea. È docente presso l’Università Cattolica di Milano (Master “Servizi educativi del patrimonio artistico, dei musei di storia e di arti visive”) e di “Educazione al patrimonio e didattica museale”, Scuola di Specializzazione in Beni Storico-artistici dell’Università di Pisa. Progettista e co-responsabile di “Patrimonio e Intercultura”; co-fondatrice di “Patrimonio di Storie”.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top