skip to Main Content
Firmato l’accordo tra l’Assessorato alla Cultura italiana e la Fondazione Maxxi di Roma per una parte importante del neoistituito "Premio Piero Siena" a favore del panorama artistico locale

Nei giorni scorsi è stato firmato l’accordo tra l’assessorato alla Cultura italiana della Provincia di Bolzano e la Fondazione Maxxi di Roma per una parte importante del neoistituito “Premio Piero Siena” a favore del panorama artistico locale. “Un accordo molto significativo con il Museo nazionale delle arti del XXI secolo – sottolinea l’assessore alla cultura italiana Giuliano Vettorato – un obiettivo di grande prestigio che permette la valorizzazione di artisti del territorio in un contesto di importanza internazionale: entrare nella collezione del grande museo nazionale costituisce per un artista locale il premio più importante”. L’accordo è stato siglato dal Direttore del Dipartimento cultura italiana della Provincia, Antonio Lampis, e dalla presidente della Fondazione Maxxi, Giovanna Melandri.

Con l’intesa tra la Provincia di Bolzano e il MAXXI, la Fondazione si è impegnata ad acquisire nella propria collezione l’opera del primo classificato al premio, tra gli artisti selezionati da un’ importante giuria. Il premio verrà infatti conferito ad un’artista di arte visuale del territorio scelto da una giuria di esperti e curatori museali composta da Paola Tognon, curatrice del Premio, Bart van der Heide, direttore di Museion Bolzano, e Bartolomeo Pietromarchi, Direttore del MAXXI Arte. I candidati sono scelti tra gli artisti che negli ultimi 30 anni sono stati sostenuti dalla Ripartizione Cultura Italiana della Provincia di Bolzano. Le operazioni di valutazione sono in corso ed è previsto anche un riconoscimento per il secondo e terzo classificato. Nella primavera del 2022 un evento espositivo a Bolzano e uno a Roma ospiteranno le opere vincitrici.

Piero Siena è stato pittore, critico e storico dell’arte, direttore di Museion dal 1987 al 2001. Con il suo operato è riuscito a sensibilizzare la città di Bolzano ed il suo territorio, area di confine tra cultura del Nord e quella del Sud, verso l’arte moderna e contemporanea, favorendo il confronto culturale. Ora una parte del premio a lui dedicato sarà destinata agli artisti locali.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top