skip to Main Content
Il titolare del MiC ha partecipato alla riunione di Angers. "Massima solidarietà agli artisti e agli intellettuali ucraini"

“Pieno sostegno alla dichiarazione perché non esprime soltanto, com’è giusto, solidarietà all’Ucraina e condanna la Russia, ma perché fornisce anche una cornice di interventi comuni”. Così il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, intervenendo oggi alla riunione informale dei ministri della Cultura europei ad Angers nel quadro del semestre di presidenza francese della Unione Europea, in cui è stata approvata una dichiarazione di massima solidarietà agli artisti e intellettuali ucraini che impegna le istituzioni culturali europee a coordinarsi per sostenerli nel proseguire il loro lavoro e nell’esercitare la loro libertà di creazione e di espressione.  “La nostra forza – ha detto ancora il Ministro nel suo intervento – è essere uniti nelle reazioni e nelle azioni, sia nei confronti dell’atteggiamento da tenere rispetto alle presenze della Federazione Russa o di artisti russi nelle diverse manifestazioni, sia rispetto alle giuste iniziative di ospitalità di artisti ucraini, di promozione della cultura ucraina. Ogni azione – ha sottolineato il Ministro – è molto più forte se è un’azione di tutti. Per questo – ha evidenziato Franceschini – è molto importante l’azione della Commissione e della Presidenza francese. L’Italia – ha assicurato il Ministro – darà un contributo in questo senso, avendo la presidenza del Consiglio d’Europa: il 1 aprile presiederò a Strasburgo una conferenza alla quale saranno invitati tutti i ministri della cultura dei paesi aderenti, tranne la Federazione Russa che è stata già sospesa da questa organizzazione. In quella sede – ha concluso il Ministro – potranno essere adottate iniziative comuni anche oltre i confini dei soli Paesi appartenenti all’Unione Europea”.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top