skip to Main Content
A stabilirlo il decreto del Direttore generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura del 10 gennaio 2022

Sono 37 i film che ottengono lo status di opere cinematografiche di espressione originale italiana con il decreto del Direttore generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura del 10 gennaio 2022. Le opere audiovisive qualificate di espressione originale italiana che avevano già ottenuto il riconoscimento della nazionalità italiana sono 3. Si tratta di: “Ciao brother” di Nicola Barnaba, “L’altra luna” di Carlo Chiaramonte e “ISIS, tomorrow, the lost souls of Mosul” di Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi.

Viene attribuita d’ufficio dalla Dg Cinema e Audiovisivo la qualifica a 21 opere cinematografiche riconosciute di nazionalità definitiva a dicembre 2021. Si tratta di “Cuntami” di Giovanni Taviani, “Due fantasmi di troppo” di Nunzio Fabrizio Rotondo e Paolo Vita, “Eroi in guerra ma non lo sapevo” di Fabio Resinaro, “I fratelli De Filippo” di Sergio Rubini, “La guerra che verrà” di Marco Pasquini, “Sono innamorato di Pippa Bacca” di Simone Manetti, “La strega di Natale” di Francesco Cinquemani, “Man kind man” di Iacopo Patierno, “Morrison” di Federico Zampaglione, “Il fronte interno” di Guido Acampa, “Beckett” di Ferdinando Cito Filomarino, “The Christmas Show” di Alberto Ferrari, “Gianni Schicchi” di Damiano Micheletto, “Ai confini del male” di Vincenzo Alfieri, “Con le nostre mani” di Emanuel Cossu, “Mollo tutto e apro un chiringuito” di Pietro Belfiore, Davide Bonacina, Andrea Fandenti, Andrea Mazzarella e Davide Rossi, “L’uomo dal fiore in bocca” di Gabriele Lavia, “Django&Django” di Luca Rea e Steve Della Casa, “Due volte” di Domenico Onorato, “Fiore gemello” di Laura Luchetti e “Il corpo di Napoli” di Ruggero Cappuccio.

La qualifica va allo stesso modo anche a 9 opere audiovisive riconosciute di nazionalità definitiva a dicembre 2021: “Marta&Eva” di Claudio Norza, “Siamo tutti Alberto Sordi” di Fabrizio Corallo, “Davide Campari, The message in the bottle, speciale Sette meraviglie” di Adolfo Francesco e Matteo Conti, “Speciale Sette meraviglie” di Luca Granato, “Dottori in corsia 3” di Giacomo Del Buono, “Mappe criminali” di David Chierchini, Paolo Oreste Gelfo, Matteo Keffer, Emanuele Piano e Alessandro Righi, “Arctic Friends IX stagione” di Giuseppe Squillaci, “Puffins – VI stagione” di Giuseppe Squillaci e “Speciale Sette meraviglie” di Luca Granato.

Anche 4 opere audiovisive in coproduzione/compartecipazione/produzione internazionale con nazionalità definitiva da dicembre 2021 sono riconosciute d’ufficio di espressione originale italiana. Si tratta di “Come prima” di Tommy Weber, “Ballo ballo” di Carlos Ignacio e Alvarez Mattos, “Piccolo corpo” di Laura Samani e “Take away” di Renzo Carbonera.

Back To Top