skip to Main Content
In Italia, sottolinea la senatrice, “l’andamento ad esternalizzare e ad affidare a compagnie private esterne è preponderante"

“Il depauperamento della danza produce un grave vuoto occupazionale giovanile nel comparto dell’arte tersicorea e non permette di dare vita a un sistema sano, equo e vigoroso”. Lo sottolinea la senatrice Michela Montevecchi (M5S) in una interrogazione indirizzata al ministro della Cultura, Dario Franceschini, sul recente bando del Teatro lirico di Cagliari che “pare favorire la privatizzazione e l’esternalizzazione” dell’attività di balletto e di opera con balletto. In Italia, sottolinea Montevecchi, “l’andamento ad esternalizzare e ad affidare a compagnie private esterne è preponderante: dal 2016 ad oggi, tra balletti ed opere con balletto, il totale delle produzioni esternalizzate è di circa 290. Calcolando una media di 4/5 recite per ogni titolo, si tratterebbe di una media di 1.250 spettacoli esternalizzati negli ultimi 5 anni”. Per questo la senatrice M5S chiede al titolare del MiC se “non intenda intervenire celermente, anche al fine di dare un importante segnale di salvaguardia e rinascita dei corpi di ballo stabili”.

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top