skip to Main Content

“Il 5 febbraio è stata approvata dal Senato all’unanimità la legge che mi vede prima firmataria sulle Disposizioni per la promozione e il sostegno della lettura. La legge nata come proposta del Partito Democratico ha potuto avvalersi del sostegno di tutti i gruppi parlamentari che ne hanno condiviso impostazione e finalità, grazie anche al lavoro dei relatori Alessandra Carbonaro alla Camera e Francesco Verducci al Senato”. Lo ricorda sul suo profilo Instagram la capogruppo dem in commissione Cultura della Camera, Flavia Piccoli Nardelli.

“Si tratta – spiega – della prima legge in favore della lettura approvata nel nostro paese. La legge entrerà in vigore al momento della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Prevede l’istituzione di un piano nazionale d’azione per la lettura, la promozione di patti locali, l’istituzione della Capitale italiana del Libro, il potenziamento del Centro per il libro e per la lettura, interventi a favore delle biblioteche scolastiche, l’istituzione della Carta della cultura per contribuire alle spese per l’acquisto di libri e servizi culturali per i nuclei familiari economicamente svantaggiati, facilitazioni fiscali per donazioni librarie, un riordino in materia di promozioni e sconti sui libri, l’istituzione di un Albo delle librerie di qualità, incentivi fiscali per le librerie con un aumento di 3,25 milioni di euro del tax credit”.

Conclude la Piccoli Nardelli: “Ringrazio tutti coloro che in questi anni hanno sostenuto e dato un loro contributo a questa proposta di legge che riconosce il valore della lettura e che vede la promozione di un libro, come riscatto, come ricchezza, come segnale di libertà”.

Back To Top