skip to Main Content

“Non sono un politico, non siedo in Parlamento, ma assolutamente sostengo questa proposta di legge che dal punto di vista tecnico ha un fondamento. E così sicuramente il ministro Franceschini”. Lo ha detto Onofrio Cutaia, direttore generale Spettacolo dal Vivo Mibact, in merito al provvedimento depositato alla Camera lo scorso giugno da alcuni parlamentari Pd per creare un registro nazionale degli attori che permetta il riconoscimento giuridico della professione. 

“Il teatro è lavoro – ha rimarcato Cutaia ospite di “Fuori Tg” su Rai 3 -. Può anche essere considerato tempo libero, ma dal punto di vista delle istituzioni non può che essere considerato un grandissimo fattore di arricchimento della persona e quindi è qualcosa che contribuisce a fare le persone migliori. Esiste un problema della tutela dei lavoratori dello spettacolo che oggi va certamente affrontato”.
 

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top