skip to Main Content
POLITICHE PER LA CULTURA | Soste

Dalle emozioni politiche alle politiche culturali

Nel panorama attuale, le emozioni emergono come elemento cruciale nel tessuto sociale e politico. Non possiamo sottovalutare il loro contributo nella formazione di movimenti populisti e neo-nazionalisti, così come nelle varie espressioni di impegno culturale e civile. Le emozioni hanno il potere di mobilitare desideri e di agire da collante nei processi politici attraverso sentimenti come la passione, la compassione e l’entusiasmo. Tuttavia, possono anche contribuire alla frammentazione sociale, come nel caso di sentimenti come la paura o la rabbia. Il contributo di Giuliana Ciancio sulla funzione delle emozioni nei processi culturali e di politica culturale contemporanei lancia un nuovo spazio di riflessione all’interno di Letture Lente, che abbiamo voluto chiamare “Soste” per consentire di mettere a fuoco, con i giusti tempi di approfondimento e ascolto, temi rilevanti del nostro presente. L’intento di questa prima “Sosta” è raccogliere contributi di chi opera in diversi ambiti della ricerca, della politica culturale, del mondo della cultura e dell’arte nelle sue diverse manifestazioni e professioni, al fine di indagare il ruolo delle emozioni nei processi decisionali

© AgenziaCULT - Riproduzione riservata

Back To Top