skip to Main Content
L'evento affronta molti degli aspetti che saranno centrali per un rilancio del non profit culturale, dei circoli associativi, della progettualità con gli attori pubblici e privati.

Interverranno tra gli altri Filippo Tantillo, Ricercatore Inapp e responsabile Officine Sperimentali Aree interne, Marilù Manta di cheFare, On. Matteo Orfini, promotore della proposta di legge di riconoscimento di luoghi e spazi della cultura, Mauro Felicori, Assessore alla Cultura Regione Emilia Romagna, Pietro Gaglianò, critico d’arte e studioso dei linguaggi della contemporaneità, Federica Candelaresi, direttrice della Bjcem – Biennale dei Giovani Artisti del Mediterraneo, Annalisa Cicerchia, Cultural Welfare Center, Massimiliano Panarari, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università Mercatorum. Infine, come in tutte le edizioni di Strati della Cultura, non mancheranno appuntamenti legati al cinema e alla musica: la proiezione del Film “Let's kiss – Franco Grillini, storia di una rivoluzione gentile”, la sonorizzazione del film CITY VISION con la direzione musicale di Xabier Iriondo, il concerto di “GODBLESSCOMPUTERS + Bassi Maestro Presents: NORTH OF LORETO” presentato dal progetto “Suner”.

Questa edizione di Strati della Cultura è in ricordo di Massimo Iotti, venuto a mancare nel maggio di quest’anno. Presidente dell’Arci di Parma, ha dedicato tutta la sua vita allo sviluppo dell’associazionismo e alla buona politica di cui è stato protagonista come consigliere della Regione Emilia Romagna e sindaco del comune di Sorbolo. Strati della Cultura è un progetto dell’Arci Emilia Romagna realizzato con Arci nazionale, UCCA (Unione dei Circoli Cinematografici dell’Arci), Arci Parma e i suoi circoli e con il sostegno della Regione Emilia Romagna – Assessorato alla Cultura. Media partner di Strati della Cultura 2021 è AgenziaCULT, agenzia giornalistica specializzata nelle politiche pubbliche relative al settore della cultura e del turismo. Con il sostegno di Hera e Froneri.

Back To Top